MASSA LUBRENSE: IL RE LEONE INCORONA PIALI PASHA

No Any widget selected for sidebar

condividi in facebook

RE LEONE I SULTANO DI MASSA LUBRENSE A POCHI GIORNI DALLA SUA PARZIALE, FORZATA, ABDICAZIONE CONCEDE IN USO PERPETUO MARINA DELLA LOBRA AL NUOVO CONQUISTATORES PIALI PASHA II FORTE DEL CONSENSO DEI SUOI MENESTRELLI DI GIUNTA. GLI ABITANTI DELL’ANTICO E STORICO BORGO SPOGLIATI ED ESPROPRIATI DELLA PROPRIA IDENTITA’ SI PREPARANO AD UNA NUOVA BATTAGLIA DI LEPANTO.

ECCO DI SEGUITO LA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE CONCLUSIVA DELLA PROCEDURA DEL PROJECT FINANCING DI RISTRUTTURAZIONE DELL’AREA PORTUALE DI MARINA DELLA LOBRA

OGGETTO:IPROJECT FINANCING “RISTRUTTURAZIONE DELL’AREA PORTUALE DI MARINA
DELLA LOBRA E RIMESSAGGIO, CON SISTEMAZIONE DEL LITORALE CHIAIA PER
LA BALNEAZIONE lO STRALCIO” – APPROVAZIONE PROGETTO ESECUTIVO.
L’anno duemilaquindici il giorno trenta del mese di Aprile alle ore 16,00
in Massa Lubrense, nella Casa Comunale, previo inviti, si è riunita la Giunta Comunale.
L’adunanza è presieduta dal dott. Leone Gargiulo in qualità di Sindaco.
Dei seguenti Assessori in carica:
1. Geom Alessio Persico 4. P. I. Donato laccarino
2. Dott. Liberato Staiano 5. Arch. Giuseppe Ruocco
3. Dott. Antonio Marcia 6. Sig.ra Dorina laccarino
risultano assenti i Sig. laccarino Dorina.
Partecipa il Segretario Comunale Dott. Valerio Costa bile il quale funge anche da verbalizzante.
Il Presidente, riconosciuta la legalità dell’adunanza, dichiara aperta la seduta ed invita
LA GIUNTA COMUNALE
ad esprimersi in ordine alla proposta di deliberazione in discussione sulla quale
sono stati acquisiti i pareri ai sensi dell’art. 49 del D.lgvo n.267/2000 così come inseriti nel
presente verbale. \.
‘.
LA GIUNTA COMUNALE
VISTO: la proposta del Sindaco, e la relativa relazione istruttoria del ‘Servizio LL.PP.
VISTO: il D.Lgvo 18/8/2000, n. 267;
VISTO: i pareri in ordine alla regolarità tecnica ed alla regolarità contabile espressi dai
responsabili dei rispettivi Servizi ai sensi dell’art. 49 _1° comma – del D.Lgvo 18 agosto 2000,
n.267;
CON VOTI UNANIMI, resi nei modi di legge,
DELIBERA
1) La proposta – allegata alla presente – è approvata e si intende qui integralmente trascritta.
2) Di dichiarare con separata ed unanime votazione, resa nei modi di legge, la presente
deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell’art. 134 – comma 4° – del D.Lgvo n.
267/00;
COMUNE DI MASSA LUBRENSE
Provincia di Napoli
; 1 ,
SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE DEL
, , ..
OGGETTO PROPOSTA: Project financing “Ristrutturazione dell’area portuale Marina della
Lobra e rimessaggio, con sistemazione del litorale Chiaia per la
balneazione – 10 stralcio” – Approvazione progetto esecutivo ..
(Per contenuto vedasi a tergo)
La proposta contenuta nel presente atto è d’iniziativa del Sindaco
ed è stata curata per l’istruttoria dal servizio/ufficio Servizio Lavori Pubblici
Visto: con parere favorevole
Massa Lubrense,1i
PARERE DI REGOLARITA’ TECNICA
(art. 49 D. Lgvo n. 267/2000)
IMPUTAZIONE DELLA SPESA E PARERE DI REè3’oLARITA’t~TJ\J3JLE;’f)/
(art. 49 D. Lg’!o n. 267/2000) . )’,Xl: .~,./’
Bilancio di previsionel
Stanziamento definitivo
Impegni precedenti
Disponibilità
Visto: con parere favorevole
Massa Lubrense, li
I Competenze/Residui – Codice LI ___ –‘I- Capitolo LI __ —li
‘.
IL RE~SABII E DEL SERVIZIO
dr.~~ ~ontano
OGGETTO: PROJECT FINANCING “RISTRUTTURAZIONE DELL’ AREA PORTUALE DI
MARINA DELLA LOBRA E RIMESSAGGIO, CON SISTEMAZIONE DEL LITORALE
CHIAIA PER LA BALNEAZIONE 1° STRALCIO – APPROVAZIONE PROGETTO
ESECUTIVO.
IL SINDACO
Sulla scorta dell’istruttoria condotta dal Servizio Lavori Pubblici di seguito riportata per
formare parte integrante e sostanziale della presente proposta,
PREMESSO:
– CHE la G.C. con atto n. 175 del 31/7/2002 ha provveduto al rièonoscimento dell’interesse
pubblico della proposta formulata ai sensi dell’art. 37/bis della legge n: 109/94 per i lavori di
.. Ri~trutturazione area portuale Marina delta Lobra e rimessaggio, con sistemazione per la
balneazione del litorale Chiaia – riservandosi di richiedere modifiche al progetto all’esito di
una conferenza dei servizi;
– CHE con deliberazione di G.C. n. 163 del 18/10/2007 la proposta aggiornata è stata
nuovamente sottoposta a valutazione per confermarne l’interesse pubblico con esito favorevole;
– CHE con nota pro!. 32271 del 30/11/2007 il promotore ha provveduto alla formale
accettazione dei contenuti della predetta deliberazione ed ha apportato le richie.ste modifiche
alla proposta;
– CHE con determina n. 36 del 18/3/2010 è stata aggiudicata definitivamente – la concessione
per la progettazione, costruzione e gestione funzionale ed economica degli interventi per la
Ristrutturazione area portuale Marina delta Lobra e rimessaggio, con sistemazione per la
balneazione del litorale Chiaia al promotore – S.r.l. S.I.MA Società di Ingegneria S.r.l.
mandataria dell’A.T.1. verticale S.I.M.A. Società di Ingegneria S.r.I.lCIPA S.p.A.lCO.MAR.IT.
S.p.A./Cooperativa Marina della Lobra a r.i./Consorzio Punta Campanella – che prevede un
investimento complessivo di € 14.735.750,00 di cui € 11.641.404,00 per lavori;
– CHE in data 13.05.2010 con atto Rep.6989 è stata stipulata convenzione per atto notarile a
rogito del notaio dotto Giuseppe Antonio Michele Trimarchi – con 1’A.T.1. verticale S.I.MA
Società di Ingegneria S.r.l. (mandataria), CIPA S.p.A., CO.MAR.IT. S.p.A., Cooperativa Marina
della Lobra a r.i., Consorzio Punta Campanella – mandataria S.r.l. S.I.MA Società di
Ingegneria S.r.l. – per l’affidamento in concessione dell’intervento in oggetto;
– CHE con atto n. 439 registrato a Castellammare di Stabia il 14/07/2010 è stata costituita, ai
sensi dell’art. 156 del D.Lgs. 163/06, la Società di Progetto denominata MARINALOBRA s.r.l.;
– CHE, con nota del 11/11/2010 in atti al pro!. 28241 del 11/11/2010, la MARINALOBRA s.r.l.
ha presentato il progetto definitivo dell’intervento in oggetto;
– CHE, con nota del 24/03/2011 in atti al pro!. n. 7073, la MARINALOBRA s.r.l. ha chiesto, tra
l’altro, l’indizione deila conferenza dei servizi finalizzata all’accordo di programma;
– CHE cori nota pro!. n. 11124 del 13/5/2011 è stata indetta la èonferenza dei servizi finalizzata
all’acquisizione di ogni autorizzazione, concessione, nulla osta o atto di assenso comunque
denominato sul progetto definitivo dell’intervento in oggetto ed all’accordo di programma
comportante variante urbanistica e dichiarazione di pubblica utilità;
\
– CHE, con determinazione n. 91 del 29.12.2011 l’Ufficio LL.PP. ha provveduto all’adozione del
provvedimento conclusivo della conferenza dei servizi;
– CHE tale determinazione ed il successivo accordp di programma del 15.05.2012 sono stati
annullati con Sentenza del Consiglio di Stato Sezione VI n. 1059 del 05.03.2014;
– CHE, con determinazione dirigenziale n. 50 del 31/07/2014, è stato adottato il provvedimento
”conclusivo della conferenza dei servizi, riducendo l’area di intervento oggetto dell’accordo di
programma in conformità al parere espresso con nota fax prot. n. 1958 del 24.07.2014
dall’Autorità di Bacino della Campania Centrale;
– CHE tale determinazione è stata impugnata innanzi al TAR. Campania sia dalla “Da Michele di
Gargiulo Michele e C.” s.n.c., sia dalla Regione Campania;
– CHE l’accordo di programma è stato approvato con decreto sindacale prot. 1323 del 20/01/2015
-ai sensi dell’art. 34 – 4° comma – del D.lgs. n. 267/00 e sottoscritto in pari data (reg. n. 481/P);
– CHE l’accordo di programma sottoscritto dal Sindaco è stato ratificato, ai sensi dell’art. 34 – 5°
comma del D.Lgvo n. 267/00 e dell’art. 12 della legge regionale n.16/04, con deliberazione del
Consiglio Comunale n. 4 del 12.02.2015;
– CHE, con verbale del 29.04.2015 il responsabile del procedimento ha proceduto in
contraddittorio con il rappresentante della Società di Progetto e dei progettisti al controllo della
progettazione esecutiva, consistente nei seguenti elaborati:
;
– CHE· per il procedimento in oggetto vige la norma transitoria dettata dall’art. 357 del D.P.R.
207/2010, che rinvia alle norme regolamentari vigenti al momento della pubblicazione del bando;
– CHE, in particolare, non trovano applicazione le modifiche introdotte dal D.P.R. 207/2010 al
procedimento di controllo della progettazione (verifica e.validazione);
– CHE il progetto esecutivo non è destinato ad essere posto a base di gara e, pertanto, non
occorre la sua validazione propriamente detta ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. n. 554/99;
– CHE, tuttavia, si è proceduto con il richiamato verbale del 29.04.2015 a svolgere i seguenti
controlli:
• la completezza della documentazione relativa agli intervenuti accertamenti di fattibilità tecnica,
amministrativa ed economica dell’intervento;
• l’esistenza delle indagini, geologiche, geotecniche e, ove necessario, archeologiche nell’area di
intervento e la congruenza dei risultati di tali indagini con le scelte progettuali;
• la completezza, adeguatezza e chiarezza degli elaborati progettuali, grafici, descrittivi e tecnicoeconomici,
previsti dal regolamento;……………..
\

\
• l’esistenza delle relazioni di calcolo delle strutture e degli impianti e la valùtazione dell’idoneità dei
criteri adottati;
• l’esistenza dei computi metrico-estimativi e la verifica della corrispondenza agli elaborati grafici,
descrittivi ed alle prescrizioni capitolari;
• la rispondenza delle scelte progettuali alle esigenze di manutenzione e gestione;
• l’effettuazione della valutazione di impatto ambientale, owero della verifica di esclusione dalle
procedure, ove prescritte;
• l’esistenza delle dichiarazioni in merito al rispetto delle prescrizioni normative, tecniche e legislative
comunque applicabili al progetto;
• l’acquisizione di tutte le approvazioni ed autorizzazioni di legge, necessarie ad assicurare
!’immediata cantierabilità del progetto;
– CHE, con nota pro!. n. 6592 del 31.03.2015, i soggetti che, come comunicato dalla Marina
Lobra s.r.l. con nota pro!. n. 6434 del 30.03.2015, risultano in possesso di concessione
demaniale marittima soggetta a decadenza per effetto dell’approvazione del progetto esecutivo,
sono stati informati dell’imminente approvazione del progetto esecutivo e dei suoi effetti sulle
concessioni demaniali;
– CHE, tali soggetti hanno presentato varie memorie cui si rinvia per approfondimento e che
vengono di seguito sintetizzate con i relativi riscontri di merito:
prot.n.
data
7178
09/04/2015
7249
10/04/2015
7289
19/04/2015
L ______ ___ .
Mittente
Circolo Nautico
Marina della Lobra
Roberto Casa
Cerchia Antonio
Sintesi delle osservazioni
Si contesta la legittimità della
determinazione n. 50/2014 per due
motivi;
1. li progetto stralcio conterrebbe
modifiche al progetto sottoposto
alla Conferenza di servizi;
2. l’approvazione per stralci
sarebbe illegittima perché
renderebbe “non valutabile” il
P.E.F.
Offre la disponibilità ad una
eventuale proposta di
delocalizzazione della propria
concessione demaniale.
Si riserva di costituirsi in giudizio, in
caso di conseguenze sull’attività
prevista nell’imminente stagione
lavorativa, per il recupero dei costi
sostenuti e per il mancato introito.
1. incompetenza del Comune in
materia dì demanio marittimo;
2. violazione art. 7 L. 241/90;
3. altre violazioni in materia di
procedimento;
4. vizi derivanti dall’illegittimità
dell’affidamento in concessione
dei lavori di ristrutturazione.
Riscontro di merito
Il progetto stralcio non contiene modifiche al
progetto approvato in C.d.S., ma si limita a
contenerne l’estensione planimetrica.
L’approvazione del progetto stralcio non muta
l’oggetto della concessione, che resta
detenninata sulla base della proposta
preliminare iniziata ed al relativo piano
economico finanziario. La variazione del
p .E.F. è prevista dall’atto di concessione solo
per variazioni dei costi superiori al 10%.
La proposta di delocalizzazione non può
\3ssere formulata in questa sede, né può
essere preordinata all’approvazione del
progetto esecutivo.
Si osserva che la concessione demaniale
marittima prevista per l’intervento non include
l’area utilizzata dal Sig. Casa, in quanto questa
non appartiene al demanio marittimo.
Pertanto, l’area va comunque recuperata di
fatto, nell’ambito dell’intervento, tra i beni del
demanio comunale nel quale si trova in base
agli atti ed a quanto è emerso in conferenza
dei servizi.
La decadenza della concessione demaniale
marittima rilasciata in modo improprio su area
del demanio comunale è comunque un effetto
prodotto dall’approvazione del progetto
esecutivo.
La concessione demaniale marittima è stata
rilasciata a seguito di conferenza dei servizi
alla quale è stata invitata anche la Regione
Campania e, pertanto, conserverebbe la sua
validità anche qualora dovesse emergere una
competenza della Regione in materia di
concessioni demaniali attualmente non
riconosciuta dalla pronunce giurisprudenziali
(TAR. e C.d.S.);
L’avvio del procedimento è stato ritualmente
\.
lO
,
,

\
7296
10/04/2015
7297
10/04/2015
7298
10/04/2015
7299
10/04/2015
7300
10/04/2015
Pro loco
Massa Lubrense
Soc. Bagni delle
Sirene s.a.5. di
Lungarini Gabriella
&c,
Società
Cooperativa
Marina della Lobra
Meo Liberato
Amoruso Antonio
v. Cerchia Antonio
v. Cerchia Antonio
v. Cerchia Antonio
v. Cerchia Antonio
v. Cerchia Antonio
comunicato con le modalità previste dall’art. 8,
comma 3, della L 241/90;
Del procedimento e dei suoi effetti sulla
concessione demaniale il Sig. Cerchia è stato
informato anche dalla Regione Campania con
nota pro!’ n, 939054 del 12112/2011 ;
I presunti vizj del procedimento di affidamento
della concessione sono stati quasi tutti oggetto
di ricorso amministrativo da parte di altri
soggetti controinteressati, senza conseguenze
sugli atti adottati; \
Non vi sono differenze progettuali rispetto alla
soluzione approvata dalla conferenza dei
servizi, se non per la riduzione dell’area
oggetto di intervento;
Viene contestata una illegittimità del
Regolamento regionale n. 5/2011 per
violazione della Costituzione. Fino ad una
eventuale pronuncia di in costituzionalità, il
Comune è tenuto ad applicare le norme
regolamentari imposte dalla Regione
Campania;
L’approvazione del progetto straldo non muta
l’oggetto della concessione, che resta
determinata sulla base della proposta
preliminare iniziata ed al relativo piano
economico finanziario. La variazione del
P.E.F. è prevista dall’atto di concessione solo
per variazioni dei costi superiori al 10%.
v. Cerchia Antonio
v. Cerchia Antonio
v. Cerchia Antonio
ad esclusione dell’indicazione della nota
regionale pro!’ n, 939054 del 12/12/2011,
v. Cerchia Antonio
ad esclusione dell’indicazione della nota
regionale pro!’ n, 939054 del 12/12/2011,
V. Cerchia Antonio
ad esclusione dell’indicazione della nota
regionale pro!’ n, 939054 del 12112/201 L
– CHE, con nota pro!, n, 8161 del 21/04/2015 la Marina-lobra s,r.L ha trasmesso un prospetto di
calcolo del canone demaniale, che indica per la prima fase di costruzione e gestione un canone
pari a € 19.052,00;
– CHE, con nota pro!, n, 8930 del 29/04/2015 la Marina Lobra s,rJ ha trasmesso una Relazione
su Quadro Economico e Piano Economico-Finanziario, richiamata nel citato Verbale di Controllo
del progetto esecutivo in pari data, in cui si è, tra l’altro, verificato che l’ammontare
dell’incremento dèi costi stimati è contenuto nel 10% di quello previsto nell’originario piano
finanziario, nel rispetto dell’art. 4 del contratto di Concessione;
– CHE, allo stato, non sussistono impedimenti all’adozione del presente atto di approvazione del
progetto esecutivo;
RITENUTO:
\
11
1
– CHE, alla luce delle norme vigenti e della Circolare dell’Agenzia del Demanio del 21/02/2007,
sia necessario ricalcolare il canone demaniale con modalità diverse da quelle proposte, come
riportato nell’allegato elaborato redatto dal Servizio LL.PP., nel quale viene determinato un
canone arinuo di € 24.592,06 per la prima fase di costruzione e gestione;
\
– CHE il canone è soggetto a rideterminazione, con specifici provvedimenti del Servizio comunale
competente in materia di gestione del demanio marittimo, per l’anno, 2016 e successivi in
relazione alla programmazione degli interventi e delle attività di gestione ed in conformità
all’aggiornamento del quadro normativo e dei canoni unitari;
– CHE, come già rilevato in sede di richiesta del parere di competenza all’Autorità di Bacino della
Campania Centrale sul progetto stralcio, il tratto della diga foranea non interessata dai lavori
realizzati nell’ambito del Progetto Integrato Portualità Turistica versa in condizioni di avanzato
degrado e necessita di un immediato intervento di ristrutturazione;
Visti:
– Il D.Lgs. n. 163/2006;
– Il D.P.R. n. 554/99;
– Il D.P.R. 207/10;
premesso,
PROPONE
Di approvare il progetto esecutivo in oggetto costituito dagli elaborati riportati in premessa;
2) Di ‘dare atto che l’approvazione del progetto esecutivo comporta l’efficacia immediata
della concessione demaniale marittima rilasciata con determinazione n. 50/2014 e la
decadenza delle concessioni demaniali che interessano le aree oggetto di intervento;
3) Di dare atto che non ricorre la circostanza prevista dall’art. 4 del contratto di Concessione,
in quanto l’ammontare complessivo dell’investimento è contenuto entro il 10% di quello
inizialmente stimato nel piano economico-finanziario;
4) Di dare atto che il presente provvedimento non modifica i contenuti del contratto regolante
i rapporti tra Concedente e Concessionario, anche riguardo all’oggetto della concessione
che non viene ridotto per estensione a seguito dell’approvazione del 1 ° stralcio esecutivo;
5) Di determinare il canone annuo relativo alla concessione demaniale marittima per la prima
fase di costruzione e gestione nella misura di € 24.592,06, valido per il periodo compreso
tra la data di efficacia del presente atto e il 31.12.2015, come calcolato nell’allegato
elaborato;
6) Di rinviare a specifici provvedimenti del responsabile del Servizio competente in materia di
gestione del demanio marittimo, da adottare per gli anni 2016 e successivi, la
determinazione del canone relativo alla cOl’lcessione demaniale, in relazione alla
programmazione degli interventi e delle attività di gestione ed in conformità
all’aggiornamento del quadro normativo e dei canoni unitari;
7) Di incaricare la concessionaria Marina Lobra S.r.l. della notifica del presente
provvedimento ai soggetti interessati dalla decadenza delle concessioni demaniali;
8) Di rendere il presente atto immediatamente eseguibile ai sensi dell’art. 134, comma 4°,
del D.Lgs. n. 267/2000, stante l’urgenza di dare esecuzione ai lavori di ristrutturazione,
con particolare riferimento all’adeguamento strutturale della diga foranea.
Il Resp nsabile del Servizio LL.PP.
are
12
1
ZONA superficie (mq) canone/mq specificazioni % riduzione canone
da retrocedere – specchio acqueo entro
i m 100 dalla linea di costa che sarà
,
utilizzato unicamente per l’esecuzione
dei lavori di ristrutturazione della diga
foranea e retrocesso al comune al
SP1-1 5152,70 ( 0,99909 collaudo 90 ( 514,80
da retrocedere – specchio acqueo entro
i m 100 dalla linea di costa che sarà
utilizzato unicamente per l’esecuzione
dei lavori di ristrutturazione della diga
foranea e retrocesso al comune al
SPl-2 3080,87 ( 0,99909 collaudo 90 ( 307,81
area a reddito – specchio acqueo
interno al porto che sarà utilizzato
, immediatamente per la gestione
I economica e per la realizzazione
SPl-3 16209,93 ( 0,99909 dell’intervento ( 16.195,18
nessun ricavo – specchio acqueo
interessato dai lavori e non suscettibile
SPl-4 6315,58 ( 0,99909 di immediata utilizzazione economica 90 (630,98
nessun ricavo – specchio acqueo
interessato dai lavori e non suscettibile
di utilizzazione economica perché
SPl-5 592,08 ( 0,99909 riservato ai pescatori 90 ( 59,15
da retrocedere – specchio acqueo oltre i
m 100 dalla linea di costa che sarà
utilizzato unicamente per [‘esecuzione
dei lavori di ristrutturazione della diga
foranea e retrocesso al comune al
SP2-1 11443,46 ( 0,72157 collaudo 90 ( 825,73
area a reddito – banchina da utilizzare
per la gestione economica e per la
AS1-1 586,61 ( 1,29050 realizzazione dell’intervento € 757,02
nessun ,ricavo – arenile ed altri spazi
scoperti da utilizzare esclusivammente
ASl-2 788,35 ( 1,29050 per il cantiere 90 ( 101,74
nessun ricavo – arenile ed altri spazi
scoperti da utilizzare esclusivammente
ASl-3 1446,04 ( 1,29050 per il cantiere 90 ( 186,61
nessun ricavo – scogUera non
suscettibile di utilizzazione economica in
ASl-4 135,55 ( 1,29050 fase di esecuzione dei lavori 90 € 17,49
area a reddito -banchina da utilizzare
immediatamente per la gestione
economica e per la realizzazione
ASl-5 939,70 ( 1,29050 dell’intervento ( 1.212,68
da retrocedere – scogliera da
ristrutturare e retrocedere dopo il
ASl-6 2152,91 ( 1,29050 collaudo 90 ( 277,83
neSsun ricavo – area scoperta utilizzata
unicamente per la realizzazione
ASl-7 239,51 ( 1,29050 dell’intervento 90 ( 30,91
\
MI 1
1
nessun ricavo – area scoperta
interessata dai lavori e non suscettibile
di utilizzazione economica perché
A51-8 594,21 € 1,29050 riservata ai pescatori 90 €76,68
nessun ricavo – scogliera non
suscettibile di utilizzazione economica in
A51-9 2972,33 € 1,29050 fase di esecuzione dei lavori 90 € 383,58
area a reddito – area occupata da
strutture di facile rimozione da
ristrutturare e suscettibile di
A52-1 461,34 € 2,15084 utilizzazione immediata € 992,27
area a reddito – area occupata da
strutture di facile rimozione da
ristrutturare e suscettibile di
-1152-2 939,91 € 2,15084 utilizzazione immediata € 2.021,60
totale € 24.592,06
l
INDIVIDUAZIONE AREE DEL DEMANIO MARITTIMO INTERESSATE DAI LAVORI
SCALA 1:1000
l ). ).
\
I
Del che il presente verbale che, letto e confermato, viene sottoscritto come appresso:
Il PRESIDENTE
F.to Dott. Leone Gargiulo
IL SEGRETARIO GENERALE
F.to Dott. Valerio Costabile
RELAZIONE DI PUBBLICAZIONE
SI ATTESTA che, la presente deliberazione è stata pubblicata all’albo pretorio on line dal ……. .
ove rimarrà per quindici giorni consecutivi (comma 1 – art. 124 D. Lgvo. 267/2000).
IL SEGRETARIO GENERALE
F. to Dot!. Valerio Costabile
Copia conforme all’originale, in carta libera, per uso amministrativo.
Massa Lubrense, lì ___’, c.'” ,’—‘.-: ,,–,,,-,,,2[“l’~;riS”‘l’ <::’::
Il Segretari/, ~ n~[,a~SPONSABII~ERVIZIO
Dctt. Valefl c’:èjstamll’ arch. ~lIo ,,’ ,ci
\..L .r
Il Sottoscritto Segretario Comunale, su conforme relazione del Responsabile dell’Ufficio di Segreteria
ATTESTA
Che la presente deliberazione é divenuta esecutiva il giorno ~ _ –,~<.:’l;-“f:;::../~e:.d-.J=~ ___ _
tJ1. perché dichiarata immediatamente eseguibile,ex art. 134.’4° comma, D.Lgs 267/2000
O 2. per decorrenza dei 10 giorni dalla pubblicazione (art. 134 c. 3 del D. Lgvo. 267/2000), non essendo
pervenute richieste di invio a controllo;
Massa Lubrense, lì _~ __L_ “,_ ‘”
Il RESPONSABILE UFFICIO SEGRETERIA
F.to Dott.ssa Maria Cristina Palumbo
IL SEGRETARIO GENERALE
F.to Dot!. Valerio Costabile
La delibera si assegna al settore/ufficio ____ –‘/ ____ / __ per le procedure attuative.
Massa Lubrense, Il _____ _
IL SEGRETARIO GENERALE
Per ricevuta: settore/ufficio ______ –‘/ ____ ,/ ____ Iì ______ _
\
\
I

Gaetano Milone

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti