LEGGE SEVERINO: UDIENZA SOSPESA, SI RIPRENDERA’ ALLE ORE 16.30

No Any widget selected for sidebar

condividi in facebook

de magistrisRiprenderà, dopo una sospensione  alle 16.30 l’udienza pubblica della Corte Costituzionale sulla leggeSeverino.

Nella prima parte dell’udienza, dopo la presentazione
della causa affidata al giudice relatore Daria De Pretis, ha
preso l’avvocato Giuseppe Russo, che insieme al collega Lelio
della Pietra ha rappresentato le istanze del sindaco di Napoli,
Luigi De Magistris.
Russo ha insistito innanzitutto sul fatto che l’ordinanza del
Tar che ha stoppato, in via cautelare, gli effetti della
sospensione nei confronti di de Magistris e ha sollevato
questione di costituzionalità, è precedente alla decisione della
Cassazione che ha stabilito la competenza del giudice ordinario
sull’applicazione della legge Severino. Se infatti prevalesse
quest’ultimo aspetto, la Consulta potrebbe dichiarare
inammissibile la questione perché il giudice che l’ha proposta,
cioè il Tar, non è quello competente.
Ma “la questione è stata riassunta di fronte al tribunale
ordinario – ha sottolineato Russo – che ha confermato la misura
cautelare, condividendo quanto detto dal Tar”. L’altro aspetto
messo in evidenza riguarda le caratteristiche della sospensione
prevista dalla Severino. E in tal senso Russo ha proposto un
parallelismo con una recente sentenza della Corte Costituzionale
– la 170/2015 – che “in linea con quanto stabilito dalla Corte
europea dei diritti dell’uomo, definisce che la sanzione non
semplicemente ciò che il legislatore individua come tale, ma ciò
che incide in modo afflittivo sulla sfera giuridica
dell’individuo”.
Altro nodo è quello della retroattività. Il legale del
sindaco di Napoli ha sottolineato in particolare due aspetti: il
fatto che “de Magistris sia diventato sindaco quando la legge
Severino non esisteva ancora” e il fatto che “gli articoli 6 e 7
della Convenzione europea dei diritti dell’uomo affermano che
non possono essere retroattive tutte le misure che incidono
sulla posizione dell’individuo”.

Gaetano Milone

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti