PUNTA LICOSA, SENATRICE EVA LONGO: RECUPERIAMO IL RELITTO DEL SOMMERGIBILE “VELELLA”

No Any widget selected for sidebar

condividi in facebook

AFFONDATO DA UN SILURO “NEMICO” NEL SETTEMBRE 1943 GIACE AD UNA PROFONDITA’ DI 140 METRI CON A BORDO I RESTI DELL’EROICO EQUIPAGGIO
Giace al largo di punta Licosa (Salerno), a circa 138 metri di profondità, con il suo equipaggio, il relitto di un sommergibile della Regia Marina con ancora a bordo i resti
dell’equipaggio.

E’ il  “Velella”, silurato e affondato il 17 settembre del 1943, mentre operava nell’ambito del “Piano Zeta” ideato per contrastare il previsto sbarco anglo-americano.
Con il Velella scomparvero anche il comandante Patanè, cinque
altri ufficiali e 44 tra sottufficiali e marinai.

  • Ten. Vasc. Mario PATANE’, Comandante
  • S.Ten. Vasc. Roberto VITTORI, Uff.le in 2ª
  • Ten. GN Pietro SERRAT, Direttore di Macchina
  • Guardiamarina Enzo BAZZANI
  • S.Ten. GN Ildebrando BANDINI
  • Asp. Guardiam. Raffaele NOVELLINI
  • C°2^cl. Andrea SESSA
  • C°3^cl. Giuseppe ALUNNI
  • C°3^cl. Eudecchio FELEPPA
  • 2°C° Giovanni CAMPITO
  • 2°C° Vittorio CASTELLANO
  • 2°C° Antonino GIACALONE
  • 2°C° Luigi MENIN
  • 2°C° Marino MEONI
  • 2°C° Giorgio SORRENTINO
  • Sgt. Giuseppe CARUSO
  • Sgt. Giovanni CHIAVEGATO
  • Sgt. Carmelo RENZONI
  • Sgt. Aldo SPINA
  • Sc. Loris CIONI
  • Sc. Ermenegildo FACCHINETTI
  • Sc. Saverio FESTA
  • Sc. Carlo GUALCO
  • Sc. Armando MAFFEI
  • Sc. Orlando PIRODDI
  • Sc. Pietro SCHIAVONE
  • Sc. Angelo SEVERINI
  • Sc. Giannino ZAMBRINI
  • Com. Achille ANTONINI
  • Com. Giuseppe BIONDINI
  • Com. Carlo CAIELLI
  • Com. Saverio CAZZORLA
  • Com. Francesco CERETTO
  • Com. Renzo CILIO
  • Com. Giovanni D’ASTA
  • Com. Aurelio FABRIS
  • Com. Cristoforo FULMISI
  • Com. Duilio FURLAN
  • Com. Salvatore INGRASSIA
  • Com. Smilace LEONCINI
  • Com. Ugo PARDETTI
  • Com. Pietro RIZZI
  • Com. Antonio RIZZA
  • Com. Giuseppe SESTA
  • Com. Eolo SIMONETTI
  • Com. Giuseppe SIRUGO
  • Com. Doroteo SPISANI
  • Com. Salvatore TRAPANI
  • Com. Luigi VENUTO
  • Com. Aldo VESPUCCI

Onore a Loro

 

Si tratta dell’ultimo sommergibile italiano perduto nella guerra contro
gli Alleati. Ed è incredibile come, a più di 70 anni di
distanza, malgrado le numerose iniziative messe in campo,
innanzitutto dai familiari e dai parenti, nessuno abbia ancora
accolto le istanze di chi vuole dare degna sepoltura ai propri
caduti” scrive, in una interrogazione rivolta ai
ministri della Difesa, dei Beni Culturali e dello Sviluppo
Economico, la senatrice del gruppo ALA (Alleanza
Liberalpopolare-Autonomie) Eva Longo, vicepresidente della
Commissione Finanze.
Considerato “l’alto valore storico del relitto, la cui
integrità è seriamente messa a rischio dalle reti dei pescatori
che restano sovente impigliate nelle lamiere e dalla lunga
permanenza in acqua”, e “tenuto conto del fatto che l’Italia
dispone di grossi mezzi militari in grado di recuperare relitti
a svariate centinaia di metri di profondità (come ad esempio, la
nave Anteo)”, la Longo chiede ai “ministri in indirizzo se
intendano procedere al recupero del sommergibile e con quali
tempi e modalità”. “Il Velella – sottolinea ancora la
parlamentare di ALA – potrebbe essere stato affondato
addirittura ad armistizio già firmato”.

 

Gaetano Milone

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti