SORRENTO: UNA DOMENICA PARTICOLARE AL PARCO IBSEN CON I RAGAZZI DELLA COOPERATIVA SOCIALE “OLTRE I SOGNI – L’AQUILONE

SORRENTO: UNA DOMENICA PARTICOLARE AL PARCO IBSEN CON I RAGAZZI DELLA COOPERATIVA SOCIALE “OLTRE I SOGNI – L’AQUILONE

SORRENTO: UNA DOMENICA PARTICOLARE AL PARCO IBSEN CON I RAGAZZI DELLA COOPERATIVA SOCIALE “OLTRE I SOGNI – L’AQUILONE

condividi in facebook

Attori per un giorno nella propria terra d’origine con la voglia di mostrarsi in pubblico per divertire il pubblico in un’atmosfera di gioia colletiva.Ecco quindi  “La storia della pizza”, spettacolo teatrale ad ingresso gratuito organizzato dalla Cooperativa Sociale “Oltre i Sogni-Gli Aquiloni” di Sorrento, presieduta da Angela Sorrentino, presso il Parco Ibsen, in Piazza Antiche Mura a Sorrento, domenica 15 dicembre alle 11, con il patrocinio di Inner Wheel Sorrento, presieduta da Anna Coppola, e la collaborazione di Caputo Tecno-Sound di Salvatore Caputo. Lo spettacolo si inserisce nella due giorni di mercatini natalizi, sabato 14 dalle 14 alle 20 e domenica 15 dalle 10,00 alle 20,00, con la vendita degli splendidi manufatti natalizi preparati dagli ospiti della struttura nei laboratori a loro dedicati, degustazioni, e una caccia al tesoro e uno spettacolo musicale la domenica pomeriggio. Lo spettacolo di domenica 15 alle 11,“La storia della pizza”, scritto e diretto dall’attrice e formatrice teatrale Mariacristina Gargiulo con la mia collaborazione e quella degli instancabili operatori e volontari del Centro, avrà la media-partnership con foto e video di Mda set comunications di Lina e Michele De Angelis. Lo spettacolo è il risultato del laboratorio teatrale voluto dall’Inner Wheel a favore di queste persone “speciali”. Vi invitiamo tutti a venirci a trovare a Parco Ibsen e ad assistere ai loro sforzi di stare in scena…perché quello che noi “normodotati” possiamo dare loro, in termini di tempo, sorrisi, attenzione, pazienza, rispetto, è nulla rispetto a quanto riceviamo dalla loro presenza: consapevolezza della profonda identità dell’essere umano al di là delle mille piccolezze che angustiano la nostra quotidianità, sincerità dei sentimenti, una nuova sensibilità verso il mondo e la vita, coraggio nell’affrontare senza ansia enormi difficoltà, capacità di essere felici delle cose semplici e divertirsi con poco, purezza di gesti come un abbraccio o un sorriso, uso della comunicazione non verbale, più antica e autentica. Sono loro i nostri “maestri di amore”.(Carlo Alfaro)

Inviato da Libero Mail per Android

Gaetano Milone

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti