SORRENTO: NUOVO LOOK PER VILLA FIORENTINO, SEDE DELLA FONDAZIONE SORRENTO

SORRENTO: NUOVO LOOK PER VILLA FIORENTINO, SEDE DELLA FONDAZIONE SORRENTO

SORRENTO: NUOVO LOOK PER VILLA FIORENTINO, SEDE DELLA FONDAZIONE SORRENTO

condividi in facebook

Con un attento ed accurato lavoro, rispettoso dei vincoli storico-architettonici, sono state ultimate le opere di restailing esterno di Villa Fiorentino, la prestigiosa sede della “Fondazione Sorrento”.

Un nuovo look, un ritorno agli antichi originali splendori, voluto dall’Amministratore Delegato della “Fondazione Sorrento” , presieduta dall’armatore ginevrino ma di origini santanellesi, Gian Luigi Aponte, Gaetano Milano, artefice del rilancio artistico culturale della struttura prestigiosa location per eventi, mostre, incontri fra personalità del mondo dell’arte.

Alla prima parte dei lavori che sono consistiti nel rifacimento delle facciate e pitturazione delle ringhiere seguirà un’illuminazione esterna della parete principale che dà sul corso Italia con i colori della bandiera italiana e la ripavimentazione dello spazio esterno oggetto di installazioni di arte visiva.

I coniugi Antonino Fiorentino e Lucia Cuomo, – si legge in una breve introduzione allo storia del prestigioso edificio a cura della stessa “Fondazione Sorrento” – agli inizi degli Anni Trenta del secolo scorso, decisero di costruire una villa per la loro abitazione, ove potessero ricevere anche alcuni clienti della propria attività commerciale – fazzoletti con ricami particolari – ormai nota nel mondo e per la quale ricevevano la visita di clientela di grande prestigio. Avendo acquistato l’area di circa 10.000 mq. in pieno centro storico, compresa fra il corso Italia e le mura antiche della città, si indirizzarono verso un tipo di edificio che avevano scelto sfogliando delle riviste americane. Ne affidarono l’incarico all’ing. Almerico Gargiulo e nel 1935-36 la costruzione era ultimata. La villa – che poteva godere di un’area antistante predisposta a giardino (con molte piante di rose) e la parte retrostante (con l’abitazione colonica inserita nelle mura antiche) rimasta ad agrumeto – fu arredata con grande gusto e con ricchezza di mobili di alto antiquariato. I coniugi Fiorentino vi vivevano utilizzando il primo piano ed il piano rialzato”.

Gaetano Milone

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti