SORRENTO: ALLE VERITA’ NASCOSTE DI PRESUNTI CASI DI CORRUZIONE SI CONTRAPPONE UNA DEMOLIZIONE GIUDIZIARIA DI UN CASO DI ABUSIVISMO DI “NECESSITA'”

SORRENTO: ALLE VERITA’ NASCOSTE DI PRESUNTI CASI DI CORRUZIONE SI CONTRAPPONE UNA DEMOLIZIONE GIUDIZIARIA DI UN CASO DI ABUSIVISMO DI “NECESSITA'”

SORRENTO: ALLE VERITA’ NASCOSTE DI PRESUNTI CASI DI CORRUZIONE SI CONTRAPPONE UNA DEMOLIZIONE GIUDIZIARIA DI UN CASO DI ABUSIVISMO DI “NECESSITA'”

condividi in facebook

Nel’opulenta Sorrento, buen ritiro di facoltose famiglie napoletane con residenza di uno dei due coniugi per evadere il fisco (prima casa intestata al marito a Napoli, prima casa intestata alla moglie a Sorrento) fino all’uscita di una sentenza.che lo vieta, capita anche che si proceda -il giorno 24 novembre- alla demolizione di una casa abusiva (di necessità) di un cittadino, nel rispetto delle normative vigenti.

Sempre nell’opulenta Sorrento, capita pure che sempre un cittadino, da mesi, denunci quotidianamente sul suo profilo fb di essere stato oggetto di richiesta di tangenti per “coprire” un suo presunto abuso e soprattutto quelli di tanti cittadini beneficiari di concessioni ed autorizzazioni non previste dalle normative vigenti in tema di edilizia.

A tale proposito sembra – il condizionale è d’obbligo ma ” Vox populi vox Dei”, che siano stati inviati alle forze dell’ordine ed in Procura, elenchi di cittadini beneficiari di “favoritismi urbanistici”.

Ebbene ogni giorno piovono su fb, sempre a cura del simpatico “denunziante” numerose “vignette” dirette al presunto funzionario comunale, definito mr 5000, responsabile del rilascio di dette autorizzazioni, senza che dal Palazzo vengano segnali di prese di posizioni contro tali, gravissime accuse.

Tra le vignette pubblicate,qualcuno mormora: che si tratti di “silenzio assenso”?.

Gaetano Milone

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti