RITARDATO VERSAMENTO DELLA TASSA DI SOGGIORNO: DA PECULATO A REATO AMMINISTRATIVO

RITARDATO VERSAMENTO DELLA TASSA DI SOGGIORNO: DA PECULATO A REATO AMMINISTRATIVO

RITARDATO VERSAMENTO DELLA TASSA DI SOGGIORNO: DA PECULATO A REATO AMMINISTRATIVO

condividi in facebook

E’ una di quelle sentenze che faranno la gioia di tanti imprenditori turistici alle prese con lo stesso problema e sui quali pende la scure della giustizia.

L’argomento riguarda il mancato versamento dell’imposta di soggiorno comunale, da parte di titolari di strutture turistico-ricettive, dopo averla incamerata quale sostituto d’imposta.

Il reato contestato al gestore di una struttura ricettiva di Sant’Agnello era quello di “peculato” per aver “versato in ritardo le somme incassate a titolo di tassa di soggiorno per un periodo di tre anni”.

La sentenza è del giudice Mariaconcetta Criscuolo del Tribunale di Torre Annunziata.

Il giudice nel dispositivo della Sentenza , ha ritenuto, tra l’altro, non sostituto d’imposta il soggetto responsabile della riscossione  e quindi derubricando il reato da peculato a sanzione amministrativa.

A difendere l’imprenditore, l’avvocato penalista Salvatore Caputo. ” Sono molto contento del risultato positivo ottenuto con questo giudizio – ha spiegato il penalista santanellese -la linea difensiva seguita mirava proprio ad individuare una corretta qualificazione della fattispecie contestata, al limite tra il profilo penale e quello amministrativo.E’ stata una scelta importante quanto rischiosa ma che gratifica gli studi e la passione per il mio lavoro”.

“Inoltre,è stato determinante per il buon esito della Sentenza – ha concluso l’avvocato Caputo – sostenere la mancanza del requisito della fattispecie penale proprio sulla scorta del dibattito giurisprudenziale della qualificazione giuridica dei soggetti esercenti attività alberghiera ed extra alberghiera come agenti contabili”.

Gaetano Milone

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti