A META LA PRIMA EDIZIONE DEL MEMORIAL “ROSA PORZIO” IL CALCIO RICORDA LA DONNA VITTIMA DELLA STRADA

A META LA PRIMA EDIZIONE DEL MEMORIAL “ROSA PORZIO” IL CALCIO RICORDA LA DONNA VITTIMA DELLA STRADA

A META LA PRIMA EDIZIONE DEL MEMORIAL “ROSA PORZIO” IL CALCIO RICORDA LA DONNA VITTIMA DELLA STRADA

condividi in facebook

META – Si terrà nel prossimo fine settimana la prima edizione del memorial “Rosa Porzio”, torneo di calcio giovanile riservato alla categoria Pulcini e intitolato alla 64enne scomparsa ad agosto dello scorso anno in seguito a un tragico incidente stradale. Promossa dall’Unione Sportiva Meta, di cui Rosa Porzio era segretaria, la manifestazione prenderà il via venerdì 7 giugno alle 16.30 presso il campo sportivo “Ivan Porzio”, oggetto di un recente e minuzioso intervento di restyling a cura del Comune di Meta. La cerimonia di apertura, alla quale prenderanno parte il sindaco metese Giuseppe Tito e don Marino De Rosa, sarà seguita dalla presentazione delle squadre in gara, oltre che da una preghiera e da una breve commemorazione di Rosa Porzio, donna capace di seguire con garbo e senso di responsabilità centinaia di giovani atleti impegnati in allenamenti e partite ufficiali.

Saranno otto le squadre che, suddivise in due gironi, si affronteranno nel pomeriggio di venerdì e poi ancora in quello di sabato: U.S. Meta, A.S.D. Sant’Agnello, A.S.D. Massa Lubrense Calcio, A.S.D. Stabia Academy, A.S.D. Varano Club, A.S.D. Vico 1969, S.C.E. Apuzzo (Pimonte) e U.S. San Nicola (Castello di Cisterna). Le prime due classificate in ciascun girone si affronteranno nelle semifinali e poi nelle finali, in programma a partire dalle 9 di domenica. La manifestazione è patrocinata dai Comuni di Meta, Piano di Sorrento e Sant’Agnello, oltre che dalla Lega Nazionale Dilettanti. «La tragica vicenda che ha sottratto Rosa all’affetto dei suoi cari e dell’intera comunità metese non riuscirà mai a offuscare il ricordo del suo impegno – osserva Giuseppe Tito – In questo senso, il memorial vuole essere innanzitutto un invito a custodire la memoria di una donna speciale con lo stesso gioioso affetto che ella seppe regalare a tanti bambini».

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti