AVETE DELLE LIRE CONSERVATE? NON SONO SOLO “PEZZI” DA MUSEO…

AVETE DELLE LIRE CONSERVATE? NON SONO SOLO “PEZZI” DA MUSEO…

AVETE DELLE LIRE CONSERVATE? NON SONO SOLO “PEZZI” DA MUSEO…

condividi in facebook

Secondo le ultime stime, alcune monete e banconote del vecchio conio valgono ormai una fortuna: si tratta di quelle emesse tra la fine degli anni’40 e l’inizio degli anni’80. Ma purtroppo non erano le lire trovate nel 2011 da una casalinga di Vico Equense, alla morte dell’anziana madre. La donna aveva fortunosamente recuperato 9 milioni e 600 mila lire (96 banconote da 100 mila lire) e contava di poterle cambiare in euro presso gli uffici napoletani della Banca d’Italia: un suo diritto che era stato sancito dal legislatore, infatti il governo aveva deciso di concedere ben 10 anni per il cambio di valuta (2002 – 2012). Poi il dietrofront: Mario Monti, con il “Decreto Salva Italia”, stabilì di retrodatare il termine ultimo per presentare denaro del vecchio conio agli uffici della Banca d’Italia al 6 dicembre 2011. La casalinga di Vico Equense, a questo punto, si precipitò a Napoli per tentare di salvare dall’oblio il suo piccolo tesoretto, ma senza risultati: i solerti funzionari la rimandarono in Penisola Sorrentina a mani vuote. A complicare il caso contribuì anche una sentenza della Corte Costituzionale nel 2015: il “Decreto Monti” era illegittimo e chi ne aveva fatto richiesta tra il 6 dicembre 2011 e il 28 febbraio 2012 poteva convertire le lire senza problemi. Ma per la nostra conterranea la Banca d’Italia oppose un nuovo, pretestuoso diniego. Solo a questo punto, la donna decise di rivolgersi alla Giustizia: assistita dal giovane e brillante avvocato sorrentino Luca Vittorio Raiola, la casalinga vicana è riuscita, nel luglio scorso, nell’impresa di piegare le resistenze di Bankitalia. Secondo la magistratura, le istituzioni (Banca d’Italia e Ministero dell’Economia) hanno tenuto verso la donna un “comportamento illegittimo”  e lesivo dei suoi diritti, tanto da doverle versare una curiosa somma: 4.957,99 euro, cioè l’equivalente in lire Bankitalia si era sempre rifiutata di convertire. A dimostrare i numerosi tentativi della donna di risolvere il suo problema tra fine 2011 e inizio 2012, le testimonianze dei suoi accompagnatori a Napoli, presso la sede regionale di Bankitalia, e l’agendina personale, dove ella annotava minuziosamente le “gite partenopee” e i dinieghi dei funzionari. Alla fine si può dire che la Giustizia trionfi sempre: alla donna son rimaste le lire (quasi un ricordo di famiglia ormai) e la soddisfazione di aver vinto uno scontro da “Davide contro Golia”, grazie all’abilità dell’avvocato Raiola.

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti