CARO AMICO TI SCRIVO Rubrica TEMPO & DENARO di Piera De Martino

No Any widget selected for sidebar

CARO AMICO TI SCRIVO Rubrica TEMPO & DENARO di Piera De Martino

condividi in facebook

#CONSULENZAINCAMPO
#MONDOFINANZA
#TEMPOEDENARO

 

Caro amico ti scrivo…
Caro amico ti scrivo, cosi ti in-formo un po’…
Parafrasando la canzone di Lucio Dalla ho trascorso così parte del mio 2017, tra wapp e articoli di giornale, con post scritti su Linkedin, con l’obiettivo di dare, in qualità di consulente finanziario, a clienti, amici, persone che sentivano il bisogno di aumentare le proprie conoscenze in materia finanziaria, qualche strumento in più per allargare il proprio bagaglio di informazioni e formazione.
All’inizio del 2017 una ricerca fatta da Banca D’Italia, Consob, Ivass e Covip vedeva l’Italia come uno tra i paesi con il più basso livello di cultura finanziaria.
Ma perché è così importante la cultura finanziaria?
Premesso che la conoscenza, in qualsiasi campo, aumenta la consapevolezza delle scelte che andiamo a intraprendere, in ambito finanziario tutto ciò si traduce nel rendere efficienti i propri investimenti.
In altre parole: saper valutare se sono congrue le spese di un conto corrente rispetto all’offerta di mercato, capire l’impatto sulla rata di un mutuo della scelta di un tasso fisso o variabile, comprendere l’investimento in titoli che si detiene in portafoglio obbligazioni, obbligazioni subordinate o azioni e la possibilità di diversificare il rischio, fare scelte in ambito di welfare e longevità, fa si che il risparmiatore abbia la consapevolezza degli investimenti che vengo eseguiti ed è un criterio fondamentale per la gestione trasparente ed efficiente dei risparmi.
Sicuramente il 2018 vedrà risparmiatori finanziariamente più “educati” che dovranno scegliere come investire il loro reddito disponibile. Molti hanno capito che parcheggiare i soldi su un conto corrente non è efficiente, non fruttano niente e li espone al rischio inflazione. Quindi si prevede che una parte di risparmiatori investirà in immobili, altri sui mercati finanziari, una parte li userà la pensione, qualcuno li terrà sotto al materasso…
Prima di programmare il nuovo anno, diamo uno sguardo al nostro portafoglio, in virtù delle nuove conoscenze e competenze che abbiamo acquisito in quest’anno di in-formazione, comprendiamo meglio se gli investimenti in essere soddisfano i nostri bisogni, rispettano i nostri orizzonti temporali e sono adeguati al nostro profilo di rischio o se va fatto qualche cambiamento.
La Mifid II, dal 3 gennaio 2018, ci vedrà tutti impegnati in un cammino più sicuro e trasparente che non potrà fare altro che consolidare i buoni rapporti tra cliente e consulente.

Pierangela De Martino
pierangela.demartino@spinvest.com

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti