Il 20 agosto tutti a Villa Fondi: c’è il Cineforum Endas, ospite Augusto Maresca

condividi in facebook

Imperdibile appuntamento col Circolo Endas Penisola sorrentina onlus, la longeva associazione diretta da Antonio Volpe, attiva dal 1983, martedi 20 agosto alle 20,30, per tutti gli amanti della cultura, della letteratura, del buon cinema e delle serate a Villa Fondi: con l’animazione di Carlo Alfaro e Adele Paturzo e la media partnership di Lina e Michele De Angelis del sito di comunicazione Mda set comunications, sarà proiettato, nell’ambito del ciclo “Incontri al buio …sotto le stelle“, il film commedia “L’effetto acquatico. Un colpo di fulmine a prima svista” (Francia-Islanda 2015) e interverrà quale ospite d’onore una grande anima di Piano di Sorrento, l’avvocato, ambientalista e poeta-scrittore Augusto Maresca. Il film ha una triste particolarità: è uscito dopo la morte della regista, l’islandese Sólveig Anspach, malata di cancro, che è mancata in fase di montaggio del lavoro, quasi un suo testamento artistico. La trama: in Francia, Samir, israeliano, conducente di gru a Montreuil, introverso e mite, si innamora follemente di Agathe, islandese, ruvida e scontrosa maestra di nuoto che scoraggia con asprezza ogni possibile spasimante, e lavora nella piscina municipale del quartiere. Per conquistarla, Samir, nuotatore provetto, si iscrive a uno dei suoi corsi fingendo di non saper nuotare. Quando Samir viene smascherato, Agathe, che odia i bugiardi, coglie l’occasione di un convegno mondiale di istruttori dove dovrà rappresentare la Francia e parte per l’Islanda, dove il suo corteggiatore arriva addirittura a seguirla, facendosi passare per un conferenziere israeliano, pur di non perderla. Scandito dai ritmi acquatici e dal fluire scenografico di docce, trampolini e vasche di ogni tipo, e della natura splendida dell’Islanda, L’effetto acquatico è una commedia romantica intrisa di un umorismo lieve e delicato, a tratti surreale, che celebra fondamentalmente l’Acqua, la materia principale di cui è fatto il nostro Pianeta e il nostro corpo, l’elemento più adattabile, forte e misterioso, il simbolo stessa della Vita. Per parlare di Acqua, non potevamo che invitare Augusto Maresca, esempio illustre di dedizione alla Natura, onestà intellettuale, sensibilità poetica, impegno civico, pulizia morale, passione e competenza. Valente e stimato avvocato, Augusto è stato l’ultimo assessore all’Ambiente della Penisola, continuando anche dopo la sua strenue attività di animalista e attivista ambientale. Oltre a ciò, l’avvocato è fine uomo di lettere: corrispondente da giovane del Secolo d’Italia, si è sempre dilettato, lungo tutto il percorso di vita, di scrittura in prosa e versi, con risultati molto apprezzati dalla critica. Di recente ha pubblicato “Lettere da Piano di Sorrento”: una raccolta di commenti, riflessioni, giudizi, su fatti di cronaca, tematiche sociali, ambientali e politiche della Penisola sorrentina e non solo, selezionati tra quanto pubblicato dall’autore da oltre un decennio sul giornale online Positano news diretto da Michele Cinque. Prima di questo, Augusto ha firmato una silloge poetica che raccoglie le sue liriche di una vita, “La vita è un momento, l’eternità è silenzio”. Attualmente, l’autore sta lavorando al libro sulla vita di suo padre, l’indimenticabile medico Michele Maresca, “Mangiajalline”, autore del lungimirante saggio medico, “Costruiamo l’uomo”, del 1954.

Carlo Alfaro

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti