“L’IMPIANTO DI VIA GRADELLE” DA MIGLIORARE Il post di R. ATTARDI di Gimax

“L’IMPIANTO DI VIA GRADELLE” DA MIGLIORARE Il post di R. ATTARDI di Gimax

“L’IMPIANTO DI VIA GRADELLE” DA MIGLIORARE Il post di R. ATTARDI di Gimax

RIFLESSIONI DI RAFFAELE ATTARDI

Un anno fa l’impianto di Punta Gradelle iniziava a funzionare. Da allora ad oggi ha separato oltre 365 tonnellate, pari a 20 tir di solidi sospesi che altrimenti sarebbero finiti a mare. Ma sembra che nessuno voglia interessarsi del suo futuro. Eppure o si migliora o si peggiora. Vogliamo che venga garantita la sua gestione ordinaria.vi ripropongo il post pubblicato allora,

Marzo 2017
Non scaricare le colpe sugli altri.
Sono passati circa 20 giorni dall’inizio della procedura di avvio dell’impianto di depurazione di Punta Gradelle e al ritmo di 1400 kg al giorno sono stati separati e gettati a rifiuto circa 28 tonnellate di cotton fiock , preservativi e schifezze varie che prima venivano gettate a mare , destinate a rimanerci per sempre. E i quantitativi giornalieri sono destinate ad aumentare tenuto conto dell’avvio della stagione turistica.
Dobbiamo fa crescere a consapevolezza del ruolo importante che l’impianto già sta svolgendo.
La cosa più urgente da fare dovrebbe essere avviare una campagna di coinvolgimento e sensibilizzazione dei cittadini per evitare che i solidi vengano gettati in fogna .
Invece si continua ad accentuare il fatto che la presenza dell’impianto costituisce un rischio, in particolare per il litorale di Seiano .
Ma non è così.
Esistono da anni due problemi a Seiano : il rivolo Cavaiola quando piove raccoglie tutte le acque che scorrono da Montechiaro , lungo tutta la statale e le precipita nella piazzetta della siaggia di Seiano. E’ un bacino molto vasto e la quantità di acqua è enorme e da anni ci sono video ,alcuni postti anche sul nostro gruppo, che dimostrano i danni ed il grave rischio che si determina .
Il secondo problema è dovuto al fatto che ormai tutta la rete fognaria di Vico arriva a Seiano e perciò quando la portata della fogna eccede la capacità della stessa, si può verificare la fuoriuscita di liquami dalla fogna dal troppo pieno che incide sulla spiaggia di Seiano. E questo è più probabile che accada nei giorni di pioggia , perchè anche a Vico la separazione acque bianche / acque nere , non è completa .
Come si capisce intuitivamente l’impianto non c’entra niente con quanto accade e non c’entra niente la mancata separazione delle acque bianche dalle nere nei rimanenti comuni della penisola sorrentina : i problemi sono preesistenti all’impianto e non devono essere risolti da chi sta costruendo l’impianto ma dal Comune di Vico Equense , in accordo con gli altri Enti preposti alla gestione delle acque meteoriche .
E’ un po’ come la storia del viadotto sul rivo d’Arco , fatto costruire sotto la spinta emotiva di inesistenti flussi di camion derivanti dal trasporto dei materiali provenienti dall’impianto : si drammatizza un problema, attribuendolo all’impianto per ottenere attenzione .
Resta comunque il fatto che tutti i comuni della penisola sorrentina devono porsi il problema di regimentare le acque meteoriche e adeguare la rete fognaria , mano a mano che si evidenziano criticità , altrimenti quando piove continueranno a manifestarsi fenomeni gravi legati al trascinamento a mare di terreno, liquami sversati abusivamente e rifiuti , e le fogne continueranno a tracimare .
Sarebbe opportuno che le varie Amministrazioni ricercassero insieme la soluzione di questi problemi : altrimenti non resta altro da fare che aspettare e vedere a chi resta il cerino in mano : l’acqua scava e prima o poi si manifesteranno dei disastri . E a qualcuno capiterà di doversi giustificare per i danni economici,o peggio per i danni alle persone (speriamo mai ), causati da frane , smottamenti , onde di piena o semplicemente per il danno recato all’economia locale dall’inquinamento. Ed al povero malcapitato sarà ben difficile dimostrare che la colpa della mancata regimentazione delle acque di pioggia o le carenze della rete fognaria dipendono dall’impianto di Punta Gradelle .

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti