ROMA: “TUTTO ESAURITO” AL TEATRO ARGENTINA PER L’ULTIMO SALUTO A LUCA DE FILIPPO

“Tutto esaurito” al Teatro Argentina di Roma, pieno in platea e fino agli ultimi ordini di
palchi, per l’ultimo saluto a Luca De Filippo, il grande erede
di papà Eduardo e della grande tradizione del teatro napoletano,
scomparso venerdì a soli 67 anni. Ai piedi del palco, la bara,
come per un ultimo ‘sipario’ da raccogliere, con una maschera di
Pulcinella posata e intorno centinaia di amici e ammiratori che
sin dalle 14 stanno sfilando compostamente.
Tra i primi ad arrivare, Vincenzo Salemme, Enzo De Caro,
Sergio Assisi, Lina e Massimo Wertmuller, Maurizio Casagrande,
Roberto Herlitzka, Marisa Laurito, Carlo Giuffrè, Sergio Rubini,
Lina Sastri, il presidente della Regione Lazio Nicola
Zingaretti, Aurelio De Laurentiis e il direttore del Teatro
Stabile di Napoli, Luca De Fusco. Presente anche il governatore della Campania, Vincenzo De Luca che nei giorni scorsi aveva avuto un incontro in Regione con “L’ultimo dei Pulcinella”

“Sono qui per rinnovare cordoglio e solidarietà alla famiglia, ma anche per ricordare una
straordinaria figura della cultura italiana, di grandissima
qualità professionale e umana. Una perdita che abbiamo vissuto
come una perdita di famiglia”. Così  Vincenzo De Luca, arrivando al Teatro Argentina di
Roma per l’ultimo saluto a Luca De Filippo, scomparso venerdì.
“Lo ricorderemo nell’unico modo che abbiamo – dice –
riproponendo la sua attività artistica, ma anche tenendo fede
all’impegno preso con lui non più di tre settimane fa. In un
incontro, ci aveva sollecitato a rinnovare le attività sociali
iniziate da Eduardo per i ragazzi con devianze sociali. Credo
che il modo migliore per ricordare la sua memoria sia proprio
tenere fede alle straordinarie iniziative cominciate da Eduardo
e proseguite da Luca”

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti