SORRENTO: IN CATTEDRALE L’ULTIMO SALUTO A FRANCESCO MARESCA “‘O NONNO”. IL RICORDO DI ROSARIO DI NOTA

SORRENTO: IN CATTEDRALE L’ULTIMO SALUTO A FRANCESCO MARESCA “‘O NONNO”. IL RICORDO DI ROSARIO DI NOTA

SORRENTO: IN CATTEDRALE L’ULTIMO SALUTO A FRANCESCO MARESCA “‘O NONNO”. IL RICORDO DI ROSARIO DI NOTA

condividi in facebook

“In Paradiso ti accompagnino gli angeli, al tuo arrivo ti accolgano i martiri, e ti conducano nella santa Gerusalemme.Tu possa godere il riposo eterno in cielo”. Rosario Di Nota ricoda il suo adorato suocero, Francesco Maresca dedicandogli un suo affettuoso pensiero.

Me manche,
nun ll’agggio ditto maje,
‘e strate songo tante,
e tu luntano staje.
Però ce manche,
ce manche quanno ride,
e scènnanano sti llacreme,
peccato nun ce vide.

Ce siente,
ô ssiente quanto manche?
‘a vocia toja ce manca,
ce mancano ‘e pparole,
e ttanti ccose ancora.

Ce manca chesta faccia,
‘a notte è llonga e scura,
ma ‘na speraanza more.

Ce manca,
ce manca ‘a leggerezza,
‘a voglia p’affruntà,
‘o piso d’‘a tristezza
ca ce ne porta ‘nfunno.

Ce manca,
Ce mancano chist’uocchie
ca ssanno accàrezzà,
e allùmmenà ‘e nuoste.

Me manche,
nun puo’ sapè tu quanto,
sarrà che nun ce staje,
e allora io mo te penso,
te sonno e po’ te canto.

E accussì ,
tu m’accumpare annànte,
e ssaccio si’ tturnato,
almeno pe nu poco,
pe c’asciùttà stu chianto.

Me siente?
nun saccio addò te truove,
a cchi âggio dumannà,
te voglio sempe bbene,
so’ stanco d’aspettà,
pecchè,tu ô ssaje,
ca sempe mancarraje.

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti