SORRENTO: PREMIO ALLA SORRENTINITA’ IN MEMORIA DI ANTONINO FIORENTINO

SORRENTO: PREMIO ALLA SORRENTINITA’ IN MEMORIA DI ANTONINO FIORENTINO

SORRENTO: PREMIO ALLA SORRENTINITA’ IN MEMORIA DI ANTONINO FIORENTINO

condividi in facebook

Sfogliando la singolare impaginazione tipografica dello speciale di “Surrentum”  per il premio 2019 Antonino Fiorentino, penso che l’ottimo tipografo Gaetano Ercolano, abbia colto nel segno. Antonino Fiorentino, mio collega di lavoro per anni ed insostituibile maestro di vita e fonte inesauribile di notizie di storia patria, sarebbe stato felice che in uno “speciale” a lui dedicato si parlasse di innammorati della sorrentinità, di Nicola Buonocunto, stabiese di nascita ma cantore ed animatore insostituibile di “arti e mestieri” della città del Tasso, di Biagio Ferola, priore dell’Arciconfraternità di San Giovanni in Fontibus della chiesa di Sant’Anna a Marina Grande, autentico rappresentante di quella formidabile stirpe di uomini di mare che convivono da sempre malgrado le moderne tecnologie con la furia dei marosi ( la terribile mareggiata di un mese fa ne è esempio) e dal mare traggono sostentamento per le proprie famiglie, di Gaetano Mascolo, l”architetto”, formidabile ed insostituibile “biglietto da visita” di Sorrento nel mondo. A far da cornice alla Sua giornata particolare nella Chiesa dei Servi di Maria sede prestigiosa della omonima Arciconfraternita, tra gli altri, il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, il presidente di Federalberghi regionale, Costanzo Iaccarino, l’A.D. della Fondazione Sorrento, Gaetano Milano, il primo Assitente della Congrega ospitante, Corrado Fattorusso, la famiglia Mascolo con Tonio ed Imma,  Mariano Russo e Luisa Fiorentino cuori pulsanti di Surrentum, il direttore Antonino Siniscalchi, la famiglia Fiorentino, il fratello Peppe, le sorelle Annamaria e Melania, i nipoti Michele, Fabrizio, Marilù e Luisa che ne hanno raccolto l’eredità morale trasferendo nel loro quotidiano la Sua passione per la storia e la cultura. Ed in questo contesto di salvaguardia delle memorie storiche di quanti hanno contribuito e tutt’ora contribuiscono alla valorizzazione e promozione della Sorrento capitale del turismo internazionale sono stati conferiti i premi Antonino Fiorentino a Benedetto Stragazi e Gaetano Mascolo (alla memoria), alla “Confraternita dei Servi di Maria e della Morte”, a Paolo Durante tour operator,a Mario Damiano, direttore d’albergo, al poeta Salvatore Cangiani. Una targa è stata poi consegnata ai collaboratori di “Surrentum” , la rivista voluta da Antonino Fiorentino insieme ad un gruppo di amici nel lontano 1982, Nino Aversa, guida ambientale, Massimo Fiorentino  prestigioso albergatore e cultore di storia patria, a Sergio Tofani, ristoratore, al” Grand Hotel Continental” albergo d’eccellenza, al “Marameo Beach”, antico stabilimento balneare, a “Sorrento Lift”, società di gestione dei due principali ascensori che collegano il centro a Marina Piccola. A cornice della manifestazione la lettura emozionante di alcune prose di Salvatore Cangiani da parte del bravissimo “fine dicitore” e poeta in lingua napoletana, Rosario di Nota ed il “Concerto d’Organo” del maestro Olga Laudonia, docente di Storia della Musica ed Organo al Liceo Artistico Musicale “Francesco Grandi” di Sorrento, figliuola del benemerito Achille, sorrentino doc.

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti