SORRENTO: ROSARIO DI NOTA RICORDA CON UNA SUA POESIA LUCIANO DE CRESCENZO ED ANDREA CAMILLERI

SORRENTO: ROSARIO DI NOTA RICORDA CON UNA SUA POESIA LUCIANO DE CRESCENZO ED ANDREA CAMILLERI

SORRENTO: ROSARIO DI NOTA RICORDA CON UNA SUA POESIA LUCIANO DE CRESCENZO ED ANDREA CAMILLERI

condividi in facebook

Rosario Di Nota, anima sensibile ed  appassionato cronista in versi dei cantori del bello, dell’arte e della letteratura, vissuti a cavallo di due secoli, dedica a Luciano De Crescenzo ed Andrea Camilleri, scomparsi in questi giorni, una sua originale ed inedita poesia.

‘A sagliuta
Chesta vota si’ ppartuto pe nu viaggio assaje stramano,
h’ê mbarcato int’â ascenzore nzieme ‘o pate ‘e Montalbano.
S’è ffermata all’impruvviso chesta corza pe nghì ncielo,
lassànnove sulagne cu ‘o paccotto d’’e ccannèle.

Una a tte e n’ata a isso,allummànno ‘e lampètelle,
mentre ll’Etna cu ‘o Vesuvio appicciàvano ddoje stelle.
Ve cuntàveve dicenno, tutte ‘e fatte d’’a cettà,
pruvanno n’ amarezza si ‘e vèdive scamazzà.

Isso pure parluttianno raccuntàva fattarielle,
quanno è bbello “‘o rraggiunà”, s’addevènta po’ fratielle.
Mastu Ndrèa all’impruvviso,senza manco te n’addùone,
te scartoccia nu plattò chino ‘e dorce: So’ cannuole..!

Che bbuntà,che squisitezza trase ‘o sole int’â ascenzore,
pare ‘o juorno quanno è ffesta,canta gloria ‘o prutettore.
Comm’’è ddoce pultrunià e cchest’aria quant’è ffina,
comme ‘o core sscevulì affacciato a vvia marina.

Lemme lemme parte ‘o trammo e vve porta pe’ stu cielo,
né ddulore,senz’affanno, ‘o pparlà cchiù che singero.
Nuje sentimmo sti pparole int’â ll’ora d’’a cutrora,
e ce contano na storia fatta d’uommene d’ammore.

Ve chiammàmmo prufessure, site ggente overo ‘nzista,
uno penza ‘o Cummissario,n’ato parla ‘e Bbellavista!
Quanti storie avite scritte ,quanti suonne ïte cuntate,
songo Napule e Ssicilia ‘e ddoje terre cchiù affàtate.

E ‘o cielo mo’ s’allarga abbraccianno a tutt’’e dduje,
e San Pietro aràpe ‘a porta pecchè sape ‘o fatto sujo.
Mparaviso è festa overo, comme fosse Piederotta,
tutte ‘e sante fanno ‘o velo,ce sta’ fora ‘o votta votta!

Tuttequante ‘nfila aunite pe v’astregnere sti mmane,
sti pperzone so’ mmeliune,mmiez’’a ttanti Siciliane,
E pe nnuje ca stammo nterra e vvuje ncielo festiggianno,
ce mettite ‘o bbuon omore, comme fosse ‘o primmo ‘e ll’anno.

Chisto tiempo nun esiste, so’ mmenzione pe ngannà,
Ô ddiceva Bellavista prufessore d’’o campà.
Mo’ n’abbraccio parte a terra saglie ncielo ed è pe ssempe,
ogge Napule se svèla: Chisto ‘o 32 ‘e Dicembre..!

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti