NAPOLI,12 APRILE, BIBLIOTECA DI RICERCA DELL’AREA UMANISTICA: LA RISWCOPERTA DELL’ANTICO NELLA CALABRIA DEL RINASCIMENTO

No Any widget selected for sidebar

condividi in facebook

La riscoperta dell’antico nella Calabria del Rinascimento:
dialogo interdisciplinare e proposte di ricerca
Giornata di studi, 12 aprile 2016
Napoli, Biblioteca di Ricerca dell’Area Umanistica, Piazza Bellini 60, Sala Convegni
a cura di Bianca de Divitiis, Antonio Milone, Paolo Coniglio, Michela Tarallo

L’incontro si pone l’obiettivo di riunire studiosi provenienti da ambiti diversi per riflettere assieme sulle peculiarità di una regione storica del Regno di Napoli, la Calabria, che in età rinascimentale viene attraversata da istanze sociali e culturali di notevole interesse che hanno meritato l’attenzione sempre crescente degli studiosi e per le quali saranno sicuramente utili ulteriori indagini e approfondimenti.
Promuovendo un approccio interdisciplinare, la giornata di studi ambisce a coinvolgere nel medesimo dialogo storici, filologi, storici dell’arte, archeologi, storici dell’architettura per riflettere su come, nel XV e nel XVI secolo, sia le maggiori comunità cittadine, tramite i rappresentanti delle loro élites colte, sia molte tra le principali famiglie feudali guardassero alla memoria locale magnogreca o, in vari casi, anche pre-greca come a un elemento fondante della propria identità. A tutti i livelli della vita culturale, l’umanesimo e il crescente gusto antiquario che si sviluppano ovunque nel Rinascimento europeo trovano in Calabria una declinazione che, in un dialogo costante con quanto avviene a Napoli, a Roma e in altri grandi centri fuori e dentro il Regno, enfatizza e valorizza il patrimonio storico e culturale delle colonie greche o del sostrato bruzio.
Per muovere ulteriori passi avanti nel percorso di studio sulla Calabria del Rinascimento, nella giornata di studi si intende riflettere su cosa sia stato fatto finora e su quali si rivelano invece i campi meno esplorati che si preannunciano di maggiore ricchezza e interesse.
La giornata di studi è parte delle attività del progetto Historical Memory, Antiquarian Culture, Artistic Patronage: Social Identities in the Centres of Southern Italy between the Medieval and Early Modern Period (HistAntArtSI), diretto da Bianca de Divitiis e finanziato dalla European Research Commission.
La giornata è organizzata nell’ambito del progetto ERC-HistAntArtSI (Historical Memory, Antiquarian Culture, Artistic Patronage: Social Identities in the Centres of Southern Italy between the Medieval and Early Modern Period) http://histantartsi.eu
PROGRAMMA DELLA GIORNATA
10,00 Indirizzi di saluto
10,15 Bianca De Divitiis, Antonio Milone, Paola Coniglio, Michela Tarallo
Presentazione del Progetto Erc HistAntArtSI e introduzione ai lavori
Prima sessione. Presiede Lucia Faedo
10,30 Lucia Gualdo Rosa
Le lettere dalla Calabria del Parrasio nel codice dei Girolamini
11,15 Maurizio Paoletti
“In hac Basilica regio funere tumulatur”. Il mausoleo di Ruggero e la ‘visibilità’ dell’antico nell’Abbazia normanna di Mileto fino al terremoto del 1638
12,00 Discussione
Pranzo
Seconda sessione. Presiede Maurizio Paoletti
15,00 Simonetta Valtieri
Espressioni artistiche e modelli
15,30 Francesco Campennì
In nome della patria: storie e antichità cittadine nella prima età moderna
Caffè
16,30 Fausto Cozzetto, Rossana Sicilia
Istituzioni e società nella Cosenza tardorinascimentale
17,15 Discussione finale

Gaetano Milone

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti