RIAPERTURA FUNIVIA E RILANCIO DEL FAITO: TAVOLO TECNICO IN REGIONE

No Any widget selected for sidebar

condividi in facebook

Un tavolo tecnico sul Faito si è tenuto stamane presso l’assessorato al Demanio e al
patrimonio della Regione Campania.Riapertura della funivia prevista per il 25 aprile con corse di collegamento per tutto l’anno e rilancio completo della zona: questi i temi trattati da tecnici e politici primi fra tutti l’Assessore al Patrimonio della Regione Campania, Sonia Palmeri ed il consigliere Flora Beneduce,vicana d’adozione, particolarmente interessata alle problematiche della zona.E proprio in seguito all’audizione in commissione Trasparenza, richiesta  dalla Beneduce, sulla questione del rilancio c’è stata un’accelerazione, in vista dell’imminente riapertura.
. “Stamattina è stata data una prova di quanto la politica possa essere virtuosa – ha detto Flora Beneduce, componente dell’Ufficio di Presidenza -. Mai prima d’ora tutti gli attori coinvolti nella gestione del monte Faito si erano riuniti per discuterne le criticità.
Sono stati analizzati i problemi, dal dissesto idrogeologico all’incuria in
cui versano gli immobili, dalla viabilità al degrado, dallo sviluppo
sostenibile all’accoglienza. Saranno affrontati tutti, attraverso gruppi di
lavoro di tecnici che si focalizzeranno, di volta in volta, sui diversi
aspetti su cui intervenire. Resta la necessità di trovare un modello
gestionale che chiarifichi i ruoli, anche se la volontà di cooperare per la
crescita è assolutamente condivisa”.”Ci sono tutte le premesse per riportare il Faito ad essere distretto turistico d’eccellenza, come lo era venti anni fa – ha concluso la Beneduce –
spero che questi lavori continuino con solerzia, per dare una risposta
anche ai residenti e agli operatori del settore accoglienza”.

Presenti all’incontro l’assessore al Patrimonio, Sonia Palmeri, che ha giocato un ruolo decisivo
nell’individuazione del Faito come priorità strategica per l’intero
comparto turistico campano, gli assessorati all’Ambiente e
all’Agricoltura, la Città Metropolitana, i comuni di Castellammare di
Stabia, Pimonte e Vico Equense, l’Ente Parco e l’Autorità di Bacino.

Gaetano Milone

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti