RICORRENZA DI SAN GIUSEPPE : ‘ A ZEPPULA ‘E SAN GIUSEPPE DI ROSARIO DI NOTA

RICORRENZA DI SAN GIUSEPPE : ‘ A ZEPPULA ‘E SAN GIUSEPPE DI ROSARIO DI NOTA

RICORRENZA DI SAN GIUSEPPE : ‘ A ZEPPULA ‘E SAN GIUSEPPE DI ROSARIO DI NOTA

condividi in facebook

Con l’arte di sempre, la cultura religiosa e la passione per le nostre antiche tradizioni, Rosario Di Nota, poeta sorrentino in lingua napoletana, ci delizia con una delle sue
poesie concorrendo a renderci meno amaro questo periodo in attesa della Santa Pasqua che per noi cristiani significa anche Resurrezione.
‘A puteca sta ‘nfunno a na via,
tuttequante sanno addò stà.
Fa’ Giuseppe vicino ‘a Mmaria:
-Me mangiasse ‘na dolce bbontà!-
Passa ‘o tiempo, e Marzo s’appresta;
-Mmitàmmo ‘a casa ll’amice”
D’ô papà mò vene ‘sta festa,
che te pare,Marì, che nne dice..?-
Aiza ll’uocchie Maria d’ô ricamo,
riplennente e ccu grazia divina,
-Peppe mio, tu ‘o ssaje, io ti amo,
ma so’ òvero nu ‘nchiastro ‘ncucina..!-
-T’arricuorde chell’urdema vota,
io mme c’ero overo ‘mpignata,
chella torta ca steva int’ô ruoto ,
t’he scurdato?,l’avimmo jettàta..?-
-Ma m’ho ssento, sta vota và meglio,
vidarraje, nun te dico mo ê cchiù,
voglio farte overo cuntento,
e me ‘mpegno pe tte e pe Ggesù.-
E accussi’ ce pruvaje, puverella,
pe ttre juorne se ncruciaje a ccucenà,
ma Maria era cuoca nuvella,
e ssapeva surtanto ‘o “prià”!
Finarmente arriuscette! e int’â stanza,
addò steva tutt’’a Sacra Famiglia,
si spannette n’addora ‘e fracanza,
che lleccòrnia e qua meraviglia..!
Sta guantiera va annante a nu rre,
(chesta vota Maria steva ‘nvena)
Zeppulune ‘e paste bbignè,
‘mbuttunate â ccrema amarena!
San Giuseppe pero’ storce ‘o naso,
-Moglie mia chi può averti aiutato?”
Nun mme dicere ch’è frutto d’ô caso;
‘o ssaje bbuono, ‘e buscie sò peccate!-
E nun ffà chella faccia cuntrita!
Dai, sorridi mia cara Maria,
ll’aiutante,l’aggio bbello e ccapito,
s’annàsconne int’â casa da mia!
Viene ccà figlio mio,fatte annànte.
-‘E miracule sò llimitate,
vanno âusate pe ccose ‘mpurtante,
si te spàre accussì so’ sprecáte..!-
Ma Ggesù, ch’era ancora criaturo,
‘o guardaje cu grannissimo ammore,
e dicette -“Pate mio,si ssicuro?
staje facenno,perdona,un errore..-
-Chesta zeppola doce e squisita,
priparata pe ‘stu juorno ch’è ffesta,
fa cchiù bella e suppùrtabbile ‘a vita,
na maggia ca nun vola, e ccà resta.-
Nu miraculo cenièco e liggiero
è na semprice e sofficia cosa,
ppure ‘o jorno cchiù ccupo e cchiù nniro,
se culora cu na tinta d’ô rrosa!
San Giuseppe se sentette ânnuzzà,
-Figlio mio nun te critico cchiù,
Io sò ssanto, n’amico e sò ppate,
ma tu sulo te chiamme Ggesù..!

Gaetano Milone

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti