UNA POESIA DI ROSARIO DI NOTA DEDICATA A SANTA MARIA DELLE GRAZIE NEL GIORNO DEI SUOI FESTEGGIAMENTI

UNA POESIA DI ROSARIO DI NOTA DEDICATA A SANTA MARIA DELLE GRAZIE NEL GIORNO DEI SUOI FESTEGGIAMENTI

UNA POESIA DI ROSARIO DI NOTA DEDICATA A SANTA MARIA DELLE GRAZIE NEL GIORNO DEI SUOI FESTEGGIAMENTI

condividi in facebook

La Chiesa cattolica festeggia oggi la Madonna delle Grazie. In penisola si festeggia a Massa Lubrense, l’ex Cattedrale è intitolata a Santa Maria delle Grazie ed alla Marina di Cassano,  a Piano di Sorrento, nell’omonima Chiesa dove è presente una statua lignea della Madonna  del 1885.

Il poeta Rosario Di Nota, particolarmente legato alle tradizioni religiose degli abitanti della penisola sorrentina ed in particolare a quelle dell’antico borgo di Marina di Cassano, dove vive, Le ha dedicato una poesia, particolarmente gradita in questo periodo di emergenza covid che vieta processioni e manifestazioni liturgiche esterne.

Auguri a tutte le Grazia, Graziella, Maria Grazia, Graziana, Graziano, Marzia e Mariella

 

‘A Prucessione d’’a Marina
di rosario di nota

Mpont’a ’stu pizzo fatto p’ ’a puisia,
stongo assettàto nzieme â pecundria.
Pure chist’anno ’a dint’a ’sta cchiesièlla
nu’ gghiesce mprucessiòne ’a Marunnèlla.

Comm’a nu bbrutto suonno ca nun passa
è cchesta malatìa ca nun ce lassa,
c’astregne ’e vvite, ce fa male ô core
stanche nuje simmo ’e mplurà ’o Signore.

Ma Essa ce guarda e ddice ’a miez’ê ggiglie:
-“Venite a mme; vuje me site figlie,
ve tenco mente e, nzieme cu ’o Bbammìno,
nun v’abbandono maje, v’astregno nzino”-

Attuorno ’e piscature, pe lle fa’ curona,
vocano chiàno cantànno na canzona,
sponta d’’a luna na luce tutt’ârgiento
saglieno ncielo mille suppreche cu ’o viento.

Nun ce mporta d’ ’a “vedé”  mprucessione,
abbasta chesta fede, ‘a devuzzione.
Santa Maria d’ ’e ggrazie, ttutto ’o Chiano
se stregne attuorno a tte,nzieme a Ccassano!

É nu canto d’ammore pe na mamma
ca sempe aiuto a ttutt’ ’e figlie manna
alluntanànno tempeste e mmalatìe:
“Prutiegge ’e navigante, Avummaria!”

Madonna d’ ’e luntane e dd’ ’e vicine
ca guarde ’a ncopp’â loggia, mmiez’ê pine,
tu si’ ccuntenta sempe ’e stènnere ’sti mmane
pure a cchi chiamma quanno sta luntano.

Mamma, astrignece forte dint’ê bbbraccia,
fangella vedé sempe chesta faccia,
addó ogni ffiglio se po ssentì ô ssicuro:
Tu si’ pe nnuje na luce dint’ô scuro!

‘O doje ‘e Luglio ll’anno che vvene,
‘a prucessione sarrà senza cchiù ppene
sperammo n’ata vota d’’a vedé
p’’e cammenà p’ ’e strate nzieme a tte.

Cuntenta, ce accumpagnarràje pe mmare
cu nu curteo ’e varche e mmarenare,
sarrà, finalmente overo doce ’o chianto
’e ce puté abbraccià sotto a ’stu manto.

E Ttu, guardànnece abbracciate, frate e ssore,
’e ggrazie ce nterciede cu ’o Signore.
Turnarrà ’o sole abbascio a ’sta marina,
sarraje sempre cu nnuje: Salve Reggina!

 

 

Gaetano Milone

leave a comment

Create Account



Log In Your Account



shares
Vai alla barra degli strumenti